Couturier Project

i Maestri d’Arte

A pochi passi da via Montenapoleone, vicino alla Madonnina ma anche alle fucine di creatività di una città considerata troppo semplicisticamente la capitale della moda, al numero 3 di Largo Donegani, in pieno centro a Milano, il concept “Couturier maestri d’arte” interpreterà di volta in volta un argomento storico e culturale proponendo accostamenti tra arte, architettura, fotografia, moda, gioielli e pubblicazioni, strettamente collegati al messaggio culturale che in quel momento si intende veicolare e divenendo perciò un vero e proprio contenitore di suggestioni.

Il Concept

Dal Barocco Siciliano

Raffaella Verri si laurea in Filosofia a Palermo e successivamente consegue due master, uno in Gestione di Impresa presso la Luiss Management e uno in International Business Communication presso l’Accademia di Comunicazione a Milano. In questi anni le sue passioni mettono radici ancora più profonde dentro a un’anima creativa.

Dopo un Dottorato di ricerca in “Comunicazione e nuove Tecnologie” presso l’Università IULM di Milano, si dedica alla realizzazione di una serie di progetti imprenditoriali in settori diversificati. Tale percorso si basa su uno studio rigoroso che va oltre le dinamiche meramente economiche e commerciali. Così nasce una vera e propria filosofia, una visione del reale che ha presupposti soggettivi ma intenti molto concreti, e prende forma l’idea di raccontare una personale visione della realtà circostante, dove ogni elemento deve coincidere e coesistere con l’altro per creare un disegno affascinante e unico. Tutto questo genera “Couturier maestri d’arte”.

COUTURIER

Giusi Munafò

Il concept di “Couturier maestri d’arte” ospiterà al suo interno una serie di capsule collection firmate da diversi nomi della sartoria italiana, i quali creeranno collezioni moda ispirandosi di volta in volta a un tema suggerito che sarà poi oggetto di una serie di pubblicazioni. 

Il Concept Store

Experience tecnologica

L’experience in store sarà altamente tecnologica grazie all’ausilio di schermi Oled per trasmettere i temi e le evocazioni. I Mirror intelligenti permetteranno di vivere una experience di ambientazione virtuale. La parte robotica sarà preposta a quel settore di business dedicato al CRM, alla profilazione degli utenti, alla raccolta di dati emotivi (riconoscimento facciale delle emozioni) fino al pagamento finale, rendendo la transazione un’operazione assolutamente virtuale.

Il Mirror display MLE di Samsung valorizzerà le funzioni di uno specchio grazie ad un design unico che manterrà elevata l’attenzione del cliente su contenuti e riflessi condivisi.

Attraverso il futuro, l’imprenditrice Raffaella Verri, con il supporto e l’ausilio di giovani stilisti e creativi intende dar vita ad uno storytelling sul concetto di eleganza, stile e unicità come riscoperta di concetti che, nell’ultimo ventennio, sono stati bypassati da trend stilistici transitori e fenomeni di moda puramente momentanei.

 

Per ulteriori informazioni sul progetto Couturier Maestri d’Arte restiamo a disposizone.